L’appartamento perduto nel tempo…

Una giovane donna in fuga; le milizie naziste che invadono, negli anni quaranta, Parigi; un appartamento abbandonato…

Potrebbe essere l’inizio di un film horror ma questa volta non è così… nel dinamico quartiere di Pigalle, proprio ai piedi del famosissimo quartiere degli artisti nel villaggio di Montmartre, è stato recentemente ritrovato un appartamento abbandonato.

L’allora ragazza e proprietaria: Madame de Florian, partì dalla capitale francese diretta verso il sud della Francia per sfuggire  all’arrivo delle milizie naziste. Era il 1942 e la seconda guerra Mondiale era nel suo periodo culminante.

La donna non farà mai più rientro a Parigi e in seguito alla sua morte alla veneranda età di 91 anni, il notaio, incaricato di stilare la lista dei suoi beni, scopre l’appartamento di Parigi. Dietro una fitta coltre di polvere lo stupore…tutto l’arredamento è rimasto intatto, proprio come l’aveva abbandonato più di 70 anni fà Madame de Florian!

Una vecchia stufa a legno, degli splendidi soffitti decorati, un lavandino in pietra, dei peluches ricordo di un infanzia felice e alcune lettere di amore…Ma c’è molto di più, appeso alla parete del salone un dipinto di Giovanni Boldrini raffigurante Marthe de Florian un’attrice dell’epoca che vantava tra i suoi spasimanti più illustri Georges Clemenceau (presidente del consiglio dal 1906 al 1909). Una storia incredibile di cui ancora oggi non si conosce il finale.

Il comune di Parigi, infatti, è sul punto di decidere se acquistare l’appartamento e conservare questa immagine dei tempi che furono trasformandolo in museo.

Vieni a scoprire le proposte di Tour Parigirando!

Info sull'autore dell' articolo Simone Prosperi

Una passione fortissima per la pallacanestro, un campo perfetto dove poter esprimere tutto se stesso… e poter correre per la vittoria.
Dissero di lui: “Simone! Un ragazzo caparbio, un bel mancino!”
Ha capito tante cose da quel giorno e ha continuato il suo cammino come se l’essere mancino fosse una vera qualità, quella marcia in più per riuscire, per scoprire il mondo.